1978: Quanti hanno capito?

1978È un anno pieno di vitalità che vede il sorgere di nuove associazioni come quella di Varese che ha il suo battesimo organizzativo con il congresso di Ispra su Struttura e funzione dei fattori della coagulazione: recenti progressi nei laboratori europei a cui partecipano i più grossi scienziati in campo continentale.
EX in proposito esce con un numero speciale. Si inizia a parlare di assistenza globale al bambino emopatico e della leucemia in un articolo della dott.ssa Adelina Jandola.
Il numero di aprile si apre con l'Associazione Lombarda per il Bambino Emopatico che elenca le sue attività dalla sua costituzione avvenuta nel maggio del 1974.
Con il numero di maggio si dà la notizia dell'avvenuta costituzione a Milano, in data 3 dicembre 1977, della Lega Italiana per la Lotta contro le Emopatie e i Tumori dell'Infanzia, in un articolo del suo presidente Annibale Perrone.

In giugno EX varca ufficialmente i confini italiani con un numero speciale dedicato alla Vacanza in Romagna, pubblicato per l'occasione anche in inglese, tedesco, francese, spagnolo.
A settembre la notizia di un importante convegno a Milano incentrato su un nuovissimo prodotto che permetterà di rivoluzionare la tecnica chirurgica ricostruttiva: la colla di fibrina.
In ottobre si costituisce l'Associazione Emofilica di Piacenza mentre a Ravenna si svolge un convegno sul tema Problemi odontostomatologici nel bambino emofilico e talassemico a cui partecipano i professori Vullo, Fabris e Carnelli, i dottori Mariani e Agrestini.
In prima pagina del numero di novembre EX registra un'altra importante conquista per l'Associazione di Ravenna: la convenzione diretta fra l'ospedale e le Mutue per l'assistenza ai talassemici.

Si chiude l'anno con le parole del direttore responsabile:

Quanti di noi hanno capito lo spirito che ci deve animare, quanti hanno voluto comprendere che al di là delle differenze terapeutiche ci sono delle necessità comuni?